Prestiti: sempre di meno e a tassi sempre più alti

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Continua a deludere lo scenario creditizio italiano. Le banche erogano infatti sempre meno prestiti e, quando lo fanno, lo fanno a tassi di interesse sempre più alti. Niente di nuovo sotto il sole, pertanto, ma a leggere l’ultimo bollettino mensile dell’Abi si scopre comunque quanto sia deteriorante l’evoluzione delle erogazioni creditizie da parte degli istituti bancari nazionali, incredibilmente restii a concedere finanziamenti alle piccole imprese e ai liberi professionisti tricolori, nonostante la disponibilità (apparente) di denaro a buon mercato.

Gli interventi della Banca Centrale Europea (con le tranche Ltro a costi irrisori) se da una parte hanno contribuito a ridurre i pericoli sui mercati finanziari e i timori sul debito sovrano, dall’altra parte sono stati incapaci di intervenire efficacemente sull’economia reale.

Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Abi, inoltre, i finanziamenti concessi sarebbero stati erogati a tassi sempre più alti. Il report evidenzia infatti come a settembre il differenziale tra il tasso medio dei prestiti alle imprese e il tasso di riferimento Bce è aumentato di oltre 40 punti base rispetto ad agosto, salendo a 300 punti base. Ancora più rilevante è il differenziale manifestato rispetto all’Euribor e all’Irs utilizzati per i mutui alle famiglie (un anno fa lo spread bancario era intorno a 190 punti base).

Le ragioni – osservata pochi giorni fa Il Sole 24 Ore – sono tante, ma il rischio paese (ovvero, i timori sulla stabilità della solvibilità nazionale) resta quella principale e si traduce in rendimenti elevati per i titoli di stato, che a loro volta condizionano le decisioni degli istituti di credito sul fronte degli impieghi e sulla raccolta.

Basti considerare, ad esempio, come il rendimento medio di settembre del Btp sia pari a poco meno del 5 per cento, e come gli istituti di credito non possano che offrire tassi più interessanti agli investitori, e rendimenti equivalenti a chi valuta la convenienza di un prestito alle imprese…