Prestito inpdap

Il prestito inpdap è una tipologia di prestito studiata appositamente per chi è iscritto Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.
I prestiti inpdap si rivolgono a coloro che sono dipendenti oppure pensionati pubblici e che percepiscono une mensilità fissa e continuativa, a titolo di retribuzione oppure di trattamento pensionistico.

Per poter ottenere un prestito inpdap gli interessati devono presentare la domanda di prestito redatta in triplice copia e su di un apposito modello che viene fornito direttamente dall’Istituto stesso, oppure che può essere scaricato da internet sul sito dell’inpdap, alla pagina www.inpdap.it . La domanda deve presentata dunque all’Amministrazione che la farà arrivare alla Sede Inpdap che è competente nel territorio del richiedente il prestito. Questo tipo di prestito è un prestito non finalizzato, dunque non bisogna dare alcune motivazione sulla spesa da effettuare.

La somma massima che è possibile richiedere dipende dalla durata del prestito stesso. Nello specifico possiamo vedere questi quattro punti:

  • se il prestiti è annuo è possibile chiedere un importo pari a una o a due mensilità dello stipendio netto, da restituire in 12 rate mensili;
  • se il prestiti è biennale è possibile chiedere un importo pari a due o a quattro mensilità dello stipendio netto, da restituire in 24 rate mensili;
  • se il prestiti è triennale è possibile chiedere un importo pari a tre o a sei mensilità dello stipendio netto, da restituire in 36 rate mensili;
  • se il prestiti è quadriennale è possibile chiedere un importo pari a quattro o a otto mensilità dello stipendio netto, da restituire in 48 rate mensili.

I tassi di interesse che vengono applicati sull’importo del prestito variano sempre a seconda della durata del finanziamento stesso.

prestiti annuali

  • tasso annuo effettivo: 4,50%
  • spese di amministrazione: 0,50%
  • premio fondo rischi: 0,30%

prestiti biennali

  • tasso annuo effettivo: 4,50%
  • spese di amministrazione: 0,50%
  • premio fondo rischi: 0,60% (0,30% annuo)

prestiti triennali

  • tasso annuo effettivo: 4,50%
  • spese di amministrazione: 0,50%
  • premio fondo rischi: 0,90% (0,30% annuo)

prestiti quadriennali

  • tasso annuo effettivo: 4,50%
  • spese di amministrazione: 0,50%
  • premio fondo rischi: 1.20% (0,30% annuo)

Inoltre qualora l’importo del prestito sia inferiore a 4.648,11 euro, il pagamento del prestito può avvenire invece con un assegno circolare non trasferibile instestato al richiedente oppure con accredito sul c/c del richiedente.

Le rata del rimborso deve essere pagate a partire dal secondo mese successivo a quello in cui il pagamento è stato erogato.